Valutazione inediti: come si fa e cos’è?

Se sei uno scrittore emergente o un autore affermato avrai sicuramente sentito parlare della valutazione inediti. Qui vedremo accuratamente in cosa consiste questo servizio e come si compila una scheda di valutazione. 

da | Mag 30, 2017 | Scrittura | 0 commenti

Il campo dell’editoria è disseminato di professioni e servizi diversi che aiutano gli scrittori, soprattutto quelli emergenti, a migliorare la propria scrittura e ad aumentare la probabilità di pubblicazione del proprio libro. Fra questi vi è la valutazione inediti, uno dei servizi più utili per quanto riguarda gli scrittori emergenti.

Questo è un servizio che viene, purtroppo, spesso sottovalutato o visto con diffidenza. Questo perché nel tempo molte case editrici truffaldine hanno lucrato su questo servizio svolgendolo in modo completamente errato e svalutandolo. La verità è che la valutazione è uno strumento davvero utile, che può fare la differenza anche per scrittori già affermati.

Che cos’è?

La valutazione di inediti è un servizio che viene svolto nel campo dell’editoria da figure professionali diverse, che possono essere un editor, un curatore/assistente editoriale oppure un agente, e ha l’obiettivo di analizzare scrupolosamente il manoscritto al fine di individuarne le carenze, gli errori e i punti deboli, in modo tale che l’autore possa modificarlo e aumentare così le possibilità di pubblicazione.

Il servizio, noto anche come valutazione di manoscritti, si basa principalmente su due operazioni: la lettura e analisi del manoscritto inedito e la conseguente stesura della scheda di valutazione. Questa sarà per tutti gli scrittori una risorsa fondamentale, dalla quale poter trarre preziosi insegnamenti.

 

Come si compila una scheda di valutazione?

Partiamo dal presupposto che ogni agenzia editoriale ed ogni privato che esegue questo servizio compila schede di valutazione diverse, benché tutte si basino all’incirca sullo stesso tracciato. Quella che andremo ad analizzare qui sotto è la scheda che realizzo io per i miei clienti.

Le caratteristiche che dovrebbe avere una relazione di valutazione sono principalmente tre: la completezza dell’informazione, quindi aver analizzato dettagliatamente ogni singolo dettaglio e aspetto del libro, l’oggettività, ovvero aver svolto un analisi reale che si basa su parametri oggettivi, e quello che ritengo più utile di tutte, ovvero l’utilità, perché ogni scheda deve avere un vero valore e poter essere un aiuto concreto allo scrittore che si è affidato al servizio.

  • 1. Dati tecnici: in questo primo paragrafo verranno riportati tutti i dati tecnici del manoscritto e dell’autore. Questo vuol dire nome e cognome dell’autore e titolo, numero di cartelle, contatti dell’editore e via discorrendo.
  •  

  • 2. Dettagli del manoscritto: a questo punto si procedere ad individuare alcuni aspetti fondamentali del manoscritto, che potranno essere utili anche ad una futura casa editrice. Gli aspetti che si vanno ad indicare sono il genere letterario e il target, fondamentale per comprendere i passi successivi e per far comprendere all’agenzia a chi è indirizzato il manoscritto.
  •  

  • 3. Sinossi: questa è una delle parte più importanti in una scheda di valutazione e non deve avere nulla a che fare con la quarta di copertina. La sinossi deve essere una breve descrizione oggettiva di quanto succede nel libro, una semplice esposizione della trama. Questa dovrà essere scritta in modo semplice senza alcuna impronta promozionale o persuasiva, ma dovrà essere un riassunto completo che tratteggi l’architettura dell’inedito.
  •  

  • 4. Stile e forma: questa è una delle valutazioni più complesse e richiede una grande esperienza e formazione per essere svolta con accuratezza. In questo paragrafo verranno annotati dettagliatamente tutti gli accorgimenti riguardo alla forma, allo stile, alla sintassi e al lessico. In poche parole si valuterà quanto bene è scritto un libro, se ha un lessico semplice ed infantile oppure ricercato e arzigogolato, se ha uno stile frammentario e veloce oppure più discorsivo narrativo e via discorrendo.
  •  

  • 5. Il giudizio: a questo punto si è pronti per dare il giudizio finale al manoscritto. Qui si verranno ed elencare tutti i dettagli del testo o racconto inedito, così che l’autore comprenda i punti di forza e soprattutto quelli deboli del suo libro, così da sapere da dove partire per poter migliorare. Nel giudizio viene valutato ogni singolo dettaglio, senza esclusione di colpi: questo vuol dire la trama (ci sono incongruenze? Buchi di trama? E’ debole o già vista?), i personaggi (sono caratterizzati male? Non subiscono un percorso di crescita?), ambiente e via discorrendo.
  •  

  • 6. Valutazione olistica/numerica: in seguito al giudizio discorsivo verrà eseguito una valutazione numerica che prende in esame ogni aspetto del libro (forma, stile, trama, ambiente, personaggi e via discorrendo)

Quanto costa?

I prezzi delle valutazioni di inediti sono davvero vari e dipendono da molti fattori diversi. Alcune case editrici svolgono servizi di valutazione per prezzi più o meno alti che però risultano spesso essere truffe. Quello che fanno è chiedere un compenso per la stesura della scheda, ma alla fine non fanno che inviare un prestampato valido per tutti i libri.

Le case editrici serie, invece, effettuano il servizio gratuitamente, ma c’è un grosso problema. Riceverai una risposta SOLO se il tuo libro sarà effettivamente valido e quindi se la casa editrice è interessata a pubblicarti. In caso non fossero interessati potresti aspettare mesi senza mai ricevere alcuna risposta.

Cosa fare allora? Da chi rivolgersi e quali sono le tariffe oggettive del servizio? Online si trovano molte offerte e qui trovi le aziende che svolgono i migliori servizi:

Lancelot Copywriting: 200 cartelle a 200 €, 300 cartelle a 250 €

GrandiAssociati: 250 cartelle a 427,00 €

BozzeRapide: 200 cartelle a 324€, 250 cartelle a 360 €, 300 cartelle a 405 €

SulRomanzo: 240 cartelle a 240 €, 300 cartelle a 310 €

Il servizio più economico risulta essere quello svolto da me, benché la qualità e professionalità del servizio svolto sia pari, e personalmente maggiore, rispetto agli altri. Quello più costoso risulta essere invece quello svolto da Grandi Associati.

 

Perché adesso, invece, non ci racconti la tua esperienza? Hai già provato un servizio di valutazione e sei rimasto deluso? Oppure hai ottenuto un riscontro positivo? Fammi sapere tutti i tuoi dubbi: sarò più che felice di risponderti.